Massaggio Thai

Il massaggio tradizionale tailandese, miti da sfatare

Massaggio Tradizionale Tailandese

Oggigiorno il Massaggio Tailandese è diventato un’offerta tipica di molte spa e centri benessere occidentali che desiderano dare un taglio esotico ed elegante ai propri servizi. Ma questa scienza affonda le proprie radici in una tradizione molto antica e profonda ed associarla solamente a strane manovre corporee è davvero troppo semplicistico.

Cos’è il Massaggio Tradizionale Tailandese

Quando parliamo di Massaggio Tradizionale Tailandese ci riferiamo in realtà ad un ampio insieme di tecniche e manovre che formano le tecniche esterne della medicina tradizionale tailandese. Parliamo quindi di tecniche e manovre che si applicano al corpo, essendo invece la medicina interna quella si occupa di curare gli organi ed i sistemi interni attraverso la chirurgia o l’assunzione orale. Poiché queste tecniche e manovre si basano su concetti che compongono la Medicina Tradizionale Tailandese, risultano essere tecniche e manovre tradizionali tailandesi e più importante della tecnica è la comprensione della teoria che si applica. Supponiamo che io studi medicina cinese, studio i meridiani cinesi, gli elementi cinesi e le sue regole di equilibrio ecc. Un giorno mi reco in Tailandia e prendo parte ad un corso di Massaggio Tailandese ed al mio ritorno inizio ad utilizzare le tecniche che ho appreso, continuando a seguire però le mie conoscenze sulla medicina cinese. Così facendo sto praticando il massaggio cinese e non quello tailandese. 

Applicazione della teoria anatomica tailandese di strati

Il suo scopo

Nel Massagio Tradizionale Tailandese cerchiamo, fondamentalmente, di aprire lo spazio dei canali dove si trovano i Sen (เสน), all’interno dei quali circola l’elemento vento, o di mantenere gli stessi ben aperti. Per chiarire meglio, se consideriamo il sangue, l’elemento terra è rappresentato dai globuli bianchi, dai globuli rossi e dalle piastrine, l’elemento acqua è rappresentato dal plasma e l’elemento vento è la circolazione. Questo dà luogo a due tipi di Massaggio Tailandese, il massaggio terapeutico e quello di mantenimento. Nel massaggio tailandese, il Mo Nuad (หมอนวด), il medico tradizionale, che si dedica alle terapie esterne (massaggio), riaprirà lo spazio che è chiuso e limita la circolazione del vento creando un disturbo nella zona. Nel massaggio di mantenimento egli verificherà che tutti gli spazi siano aperti e li manipolerà affinché essi continuino a mantenere lo stato di salute già raggiunto. Non è quindi possibile definire il massaggio tailandese solo guardando come si muove il massaggiatore, attraverso l’utilizzo dei piedi o perché lavora sul lettino.

L’origine 

Quando il Buddismo e le sue conoscenze mediche, tra cui troviamo gli Insegnamenti di Moo Jīvaka (il padre della medicina tradizionale tailandese) giunsero in Tailandia, un centinaio di anni dopo la nascita di Buddha Gotama, qui era già presente una tradizione asceta, la Tradizione dei Reusi (ฤษี) con una medicina sviluppata. In questo sistema di medicina troviamo il Reusi Dat Ton, conosciuto in occidente come “Yoga Tailandese” e che comprende pratiche di respirazione, visualizzazioni, meditazione, automassaggio, ripetizioni di mantra e posture o esercizi. 

Fino a dove arriva la mia comprensione e conoscenza della Tradizione, oggi, penso che ciò che sia conosciuto come Massaggio Tradizionale Tailandese ebbe le sue origini in questa tradizione. 

Scritto da Enrique Dianti, traduzione a cura di Lekhā

1 Comment

  • Reply
    Hallie Debernardi
    28 Maggio, 2020 at 6:05 am

    Very efficiently written article. It will be useful to everyone who usess it, as well as myself. Keep doing what you are doing – looking forward to more posts.

Leave a Reply

X