Articoli

F.A.Q. a proposito dei Sak Yan

Recentemente i Sak Yan sono diventati molto popolari in occidente tanto che molti tatuatori non addestrati alla pratica cercano di riprodurli, commettendo errori grossolani.
Con l’intento di chiarire i punti salienti di questa pratica, abbiamo risposto alle principali domande ricevute su questo tema grazie all’aiuto di Reusi Bhalacandra.

 

Cosa sono i Sak Yan?
I Sak Yan sono i tatuaggi magici tradizionali tailandesi. Essi prendono spesso il loro potere dalla parola del Buddha o dalle sue gesta, cioè i tatuaggi contengono incantesimi che ritracciano gli elementi appena citati.
Nonostante ciò, la pratica del Sak Yan non nasce con la tradizione buddista ma affonda le sue radici in epoca prebuddista. Ricordiamo, infatti, che in Tailandia, come in molti altri paesi del sud est asiatico, la pratica magica e quella del tatuaggio sono presenti da tempi immemori. Sarebbe perciò incorretto riferirsi ai Sak Yan come ai tatuaggi buddisti.

Chi può ricevere un Sak Yan?
Chiunque può ricevere un Sak Yan a prescindere dal credo di appartenenza. Ricevere un Sak Yan non comporta quindi la conversione religiosa e richiede essenzialmente il rispetto per il Triplice Gioiello (Buddha, Dharma, Sangha), per i Maestri e per i genitori attraverso il pensiero, le azioni e le parole.

Quali sono le tipologie di Sak Yan?
Sebbene esistano molte sottocategorie, i Sak Yan si dividono principalmente in tatuaggi di protezione e tatuaggi di attrazione.

Chi può tatuare i Sak Yan?
Per tatuare i Sak Yan è necessario essere iniziati alla tradizione da Maestri qualificati. Il processo di iniziazione comporta una formazione lunga ed approfondita ed implica una pratica personale quotidiana che include la ripetizione di salmi buddisti e formule magiche. Questo fa si che la parola del praticante sia efficace ed il suo rapporto con il lignaggio costante.
I soggetti che possono praticare i Sak Yan sono i Reusi, i monaci ed i laici iniziati.

E’ possibile reperire disegni di Sak Yan su internet e farseli imprimere dal tatuatore di fiducia?
Premesso che per avere efficacia un Sak Yan debba essere tatuato da un’iniziato alla tradizione, normalmente il praticante ha la capacità di individuare lo Yan più idoneo per noi. Per fare questo, alcuni si affidano alla propria intuizione, mentre altri si avvalgono di oracoli, divinazione e calcoli. Ogni praticante ha un grimorio personale, frutto del rapporto coi propri Maestri e non è detto che questo contenga i Sak Yan che troviamo su internet. Ogni lignaggio ha Yan differenti ed anche quelli che sembrano apparentemente simili nella forma possono riportare incantesimi diversi.

Ho ricevuto un Sak Yan in un normale studio di tatuaggi. E’ possibile farlo benedire in un secondo momento?
Ricevere un Sak Yan da un tatuatore non iniziato non è mai una buona idea. Non avendo un proprio grimorio e la giusta formazione, il tatuatore reperisce i disegni da internet i quali recano spesso incantesimi errati. I Maestri, infatti, pubblicano su internet disegni incorretti per dare un’idea dell’estetica degli Yan, preservando l’autenticità dei propri incantesimi.
E’ comunque possibile benedire il Sak Yan in un momento successivo, anche se cercare un operatore qualificato è sempre la scelta migliore.

Com’è strutturato il rituale del Sak Yan?
L’applicazione di un Sak Yan implica un rituale che si divide fondamentalmente in tre parti. Si inizia col presentare le offerte, si passa poi all’applicazione del tatuaggio ed infine alla sua consacrazione.

Posso ricevere un Sak Yan per proteggere la mia famiglia?
I Sak Yan proteggono la persona che li porta e possiamo quindi dire che indirettamente ci danno forza e protezione per prenderci cura delle persone a noi care.
Per una protezione del nucleo famigliare e della casa sarebbe più indicato richiedere un Pha Yan oppure un takrut. Nel primo caso lo Yan viene impresso sulla stoffa, mentre nel secondo caso lo Yan viene applicato su un foglio di metallo che viene poi arrotolato. Entrambi possono essere esposti in casa ed il takrut può anche essere indossato come amuleto.

Ho ricevuto un Sak Yan da un tatuatore non preparato ed il disegno presenta degli errori. C’è modo di sistemarlo?
Eventi di questo tipo capitano spesso e secondo alcuni Maestri andrebbero fortemente evitati perché rappresentano un’offesa nei confronti della tradizione, portando malasorte. E’ comunque possibile ripulire il Sak Yan da qualsiasi influenza negativa e tatuare sopra ad esso l’incantesimo corretto con l’olio. In questo modo è possibile instillare il potere magico, evitando di “sporcare” ulteriormente il tatuaggio.

Reusi Bhalacandra: “Le informazioni sopra riportate sono frutto della mia esperienza di praticante di questa tradizione e sono legate al lignaggio di cui faccio parte. In nessun modo vogliono quindi rappresentare una verità assoluta.  Il Sak Yan è prima di tutto un rituale magico e non un vezzo estetico.
Questa attitudine può non essere di semplice comprensione per noi occidentali ma è essenziale ricordarci che quando riceviamo un Sak Yan abbracciamo una tradizione che non fa parte dei nostri usi e costumi. Sta quindi a noi adattarci ad essa e non il contrario.”

You Might Also Like